Come gestire i momenti difficili

A volte la vita ci colpisce così forte la testa, ci affronta una tempesta tale che ci toglie il respiro.


Una persona amata ci lascia o muore, perdi il lavoro, qualcuno a cui tieni si ammala, la tua macchina si distrugge, o la disperazione ti colpisce.


Cosa facciamo quando il mondo intorno a noi sembra crollare, quando sembra che non esista una via d’uscita?


I momenti in cui le cose stanno andando a pezzi sono esattamente i migliori momenti per praticare la consapevolezza e la compassione.


Questi sono i momenti a cui ci stiamo preparando, in un certo senso, quando meditiamo regolarmente con compassione e consapevolezza, durante i periodi non-traumatici.


I periodi in cui il mondo sta “collassando” sono le aree più ricche di esplorazione ed è quando abbiamo bisogno maggiormente di alcuni attrezzi.


Il modo di sfruttare questi periodi è questo:


  • Stai (resta sul) con il dolore. Non scappare da esso, non provare a fare nulla, ma affrontalo con coraggio.

  • Resta sulle sensazioni fisiche, lasciando cadere e lascia cadere la tua storia. E guardala con un sorriso sulle labbra, sii gentile con essa, abbi il coraggio di stare solamente con essa come se fossi con un amico ferito.

  • Fallo in piccole dosi se è tutto quello che riesci a sopportare. Fallo con pazienza, notando che la tua mente vuole scappare. Continua a tornare indietro ed otterrai fiducia in te stesso a rimanere su quelle emozioni così dure.

  • Prima o poi vedrai che le emozioni non sono così cattive, che puoi stare con esse e il mondo non finirà, che andranno via come una nuvola di passaggio, che questi sentimenti e pensieri non sono te, ma solo fenomeni passeggeri.


Inizierai a prenderli meno seriamente, a vedere che non sono chissà che, a tenerli con leggerezza, a dargli spazio nella tua mente.


Quando il mondo si sta sgretolando è il momento di praticare.


657 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti