Parlo di me

Mi chiamo Gabriele, per gli amici Gabri. 

Nasco e cresco a Trento dove trascorro una fanciullezza e un’adolescenza "normale", come tanti altri ragazzi della mia città.

 

Fin da piccolo, manifesto una grande curiosità e vivacità (a scuola vengo spesso punito per questa caratteristica).

 

Il non saper gestire la mia sensibilitá ed emotivitá mi porta spesso a reagire alle situazioni della vita in maniera irruenta, agitata. A volte anche violenta.

Crescendo sviluppo un grande pessimismo e una forte negatività. Il senso di insoddisfazione e disagio di fondo che provo aumenta sempre di piú ed a fine 2012 esplode in un grande periodo di sofferenza interiore.

Lascio la scuola, in quinta superiore, a dicembre. Poco dopo lascio anche il calcio, all'epoca la mia più grande passione.

Inizio a leggere, leggo libri di psicologia e di crescita personale.

La lettura mi apre universi inesplorati.

Intravedo nuove possibilità, nutro il desiderio di studiare e comprendere la mente e la natura umana.

 

Riscopro e coltivo la passione per la montagna e le escursioni.

Supero cosí il momento più complicato.

 

Finisco la scuola e mi iscrivo all’Università.

Corso di Laurea in Interfacce e Tecnologie della Comunicazione, facoltà di Psicologia e Scienze Cognitive.
Torno anche a giocare a calcio.
Inoltre scopro una nuova passione: viaggiare.
Conosco nuove persone, vivo nuove esperienze. 

Le cose vanno meglio ma solo superficialmente. La situazione esterna cambia ma il disagio di fondo è presente più che mai. A volte sento di non appartenere a questo pianeta, mi sento perso.

Eppure a un livello molto profondo, qualcosa in me sta per accadere.

Focalizzo le mie letture su testi spirituali e sapienziali per cercare delle risposte. Mi avvicino al pensiero orientale, alla filosofia buddista, allo yoga e alla meditazione.

Mi innamoro perdutamente di tutta questa saggezza.

Sento che qualcosa si sta muovendo. Ed è così.

 

É una esperienza a cambiarmi la vita per sempre:

un meraviglioso viaggio,

a piedi.

 

Il Cammino di Santiago mi porta ad un risveglio spirituale

Smetto di guardare fuori e sposto tutta la mia attenzione e la mia consapevolezza dall’esterno all’interno. Divento osservatore di me stesso.

Qualche mese dopo inizio a praticare Meditazione quotidianamente e sperimento una profonda quiete interiore.

Passano gli anni e continuo a lavorare su me stesso. Approfondisco i miei studi e rafforzo le mie pratiche e la mia consapevolezza.

 

E la quiete interiore diventa sempre più stabile.

Oggi sono ancora in cammino.

Sto evolvendo.

Proprio come te.

 

Mi piace definirmi Entronauta: un esploratore di universi interiori.

 

Dal 2020 vivo a Gran Canaria, e lavoro come Meditation Life-Coach.

 

Attraverso percorsi e consulenze online, ti aiuto a elevare la tua coscienza, ti guido a coltivare pace interiore e liberare il tuo potenziale.

Gabriele Ghezzi Meditazione.JPG